Il lavoro con i riflessi primitivi –“riflessi primari”– rappresenta una importante innovazione della neurologia funzionale nella valutazione/intervento sui processi interconnessi dello sviluppo motorio e cognitivo.

I disturbi dello sviluppo possono colpire chiunque e hanno uno spettro di sintomi, dall’autismo alla dislessia, che li rende difficili da trattare.

Tuttavia ciò che hanno in comune è che il loro deficit è iniziato durante lo sviluppo dell’infanzia, in particolare nei primi due anni di vita.

Le scienze cerebrali d’avanguardia hanno scoperto come i riflessi primitivi sono strettamente collegati ai disturbi dello sviluppo. Forniscono una comprensione unica della causa principale dei disturbi neuro-comportamentali e di apprendimento, fornendo protocolli utili a trattare con successo i clienti di qualsiasi età: tecniche all’avanguardia per identificare, migliorare e correggere i riflessi primitivi mantenuti e che “incidono” in un’ampia varietà di condizioni comportamentali, di apprendimento e sociali.

Con l’aumento dei disturbi neuro-comportamentali e dell’apprendimento e l’ampio spettro dei sintomi correlati, la comprensione della loro causa è essenziale per il progresso del trattamento, indipendentemente dalla condizione o dalla gravità.

OBIETTIVI DEL PROGRAMMA:

Comprendere la relazione tra sviluppo del cervello, riflessi primitivi e loro implicazioni nello sviluppo, nei disturbi neuro-comportamentali e di apprendimento;

Conoscere il ruolo dei riflessi primitivi conservati nello sviluppo di disturbi neuro-comportamentali;

Saper fare una valutazione dei riflessi primitivi nei clienti di tutte le età e saper attuare esercizi specifici per inibire ogni riflesso disfunzionale e promuovere lo sviluppo dei riflessi funzionali;

Analizzare la connessione tra disregolazione autonomica, immune e dell’ingaggio sociale e comprenderne le implicazioni cliniche;

Saper svolgere valutazioni cliniche di squilibri del neurosviluppo nei clienti;

Identificare come l’attaccamento, i sistemi polivagali e gli squilibri emisferici si collegano ai sintomi di ADHD, disturbo ossessivo compulsivo, dislessia, disturbi dell’elaborazione o autismo, nonché ad altri problemi di salute mentale, comportamento e apprendimento;

Sviluppare piani di trattamento completi per migliorare e correggere gli squilibri neurologici dello sviluppo ad integrazione di trattamenti funzionali, riabilitativi e psicoterapici.

PANORAMICA DELLA NEUROLOGIA DELLO SVILUPPO

Epidemiologia dei disturbi della salute mentale, educativi e neurocomportamentali.

Sviluppo del cervello attraverso la segregazione, l’integrazione e la localizzazione delle reti.

Sviluppo e conservazione del riflesso posturale e primitivo, oltre alla relazione con lo sviluppo del cervello.

Asimmetria cerebrale, sviluppo, funzione e integrazione degli emisferi, oltre alla relazione con le difficoltà di apprendimento, comportamentali, disturbi di socializzazione.

ATTACCO, SISTEMA POLIVAGALE E SQUILIBRIO EMISFERICO

Comprensione di attaccamento e comportamento.

Metti in relazione l’attaccamento con il movimento e scopri il modo subconscio in cui formiamo e manteniamo le relazioni, e in che modo ciò può influenzarci per tutta la nostra vita.

Come gli emisferi cerebrali contribuiscono all’attaccamento.

Neurologia funzionale del comportamento, delle relazioni e delle emozioni umane.

Utilizzare l’inventario degli attaccamenti da adulti come strumento diagnostico.

Reti neurologiche funzionali target diagnostiche e terapeutiche.

PANORAMICA SUI RIFLESSI PRIMARI

Possibili ragioni del riflesso mantenuto e del riflesso emergente.

Lettura, scrittura, matematica, ADHD, autismo, ritardo dello sviluppo.

Linee guida sui riflessi primari.

I 7 riflessi primari.

Oltre i riflessi primitivi

Cosa fare dopo l’integrazione

Valutare e trattare i I 7 riflessi primari: laboratori pratici e case study

Sintomi

Analisi

Integrazione

Non integrazione

VALUTAZIONE E INTERVENTO SUI RIFLESSI PRIMARI

Cosa sono i riflessi primitivi? Perché e come si sviluppano?

Valutare i riflessi primitivi nei neonati, nei bambini e negli adulti.

Sintomi associati a ritenzione specifica del riflesso primitivo.

Asimmetria dei riflessi primitivi e relazione con gli squilibri cerebrali, ADHD, dislessia.

Esercizi di risanamento per i riflessi primari.

DOMINANZA EMISFERICA VS DEBOLEZZA EMISFERICA

Cervello destro vs funzioni del cervello sinistro.

Perché e come si specializzano il cervello destro e sinistro.

Come possono svilupparsi gli squilibri.

Come lo squilibrio produce sintomi specifici.

Test per gli squilibri cerebrali.

Profilo di stile cognitivo.

Lista di controllo emisferica.

Esame emisferico posturale.

Esame del nervo cranico.

Trattamento specializzato a base emisferica per ripristinare l’equilibrio.

IMPORTANZA PRATICA DELLA TEORIA POLIVAGALE NELLA PRATICA CLINICA

Teoria polivagale ed evoluzione del sistema autonomo.

Riflesso di paralisi della paura, riflesso di Moro e sviluppo del sistema nervoso parasimpatico e simpatico.

Correlare i movimenti e i riflessi primitivi con la teoria polivagale.

Regolazione autonoma ed emisferica del sistema immunitario, funzione intestinale e altri problemi.

Valutare lo sviluppo autonomo, la variabilità della frequenza cardiaca e la disregolazione autonomica.

Collegare lo sviluppo del tronco cerebrale, lo sviluppo del sistema di impegno sociale e i disturbi dell’attaccamento.

INTEGRAZIONE DEI RIFLESSI PRIMARI

 

Impara ad equiparare i sette riflessi primitivi con le fasi di sviluppo.

Esercitati con tecniche semplici da aggiungere immediatamente alle tue sessioni cliniche, portando a successi nello sviluppo di:

Problemi di elaborazione sensoriale

Sfide comportamentali

Difficoltà di apprendimento

Autismo

ADHD

Deficit neurologici

SEDE -DATE – ISCRIZIONI

 

MILANO: Settembre 2020

DURATA: 3 giorni

QUOTA ISCRIZIONE: € 297

CORSO A NUMERO CHIUSO

Destinatari: medici, psicologi, terapisti, operatori sanitari

Rilascia: Certificato in Terapia dei Riflessi Primari

per info: cui@cui.org